Notizie

Il prezzo delle abitazioni nuove e usate ha registrato un aumento inter annuale del 5,2% nel mese di agosto e un incremento mensile dello 0,4%, secondo le statistiche IMIE Generale e Grandi Mercati di Tinsa.

Quanto sopra evidenziando che gli indici Tinsa costituiscono lo strumento ufficiale per analizzare l'evoluzione del valore degli immobili nel mercato spagnolo; dati elaborati con i più alti standard di qualità e dalla più assoluta trasparenza e indipendenza.
Le isole Canarie guidano gli aumenti dei prezzi con un 7,9% rispetto ad agosto 2020, seguite dai piccoli comuni dell'interno della penisola e della costa atlantica (dove le abitazioni sono diventate più care del 7,1% nell’ultimo anno).
Segue la costa mediterranea spagnola, con un aumento inter annuale dei prezzi del 6,1%; quindi le aree metropolitane (+ 4,9%), capoluoghi e grandi città, dove l'alloggio costa mediamente il 3,8% in più rispetto ad agosto 2020.
Per quanto riguarda le variazioni mensili (agosto su luglio), il prezzo medio delle case in Spagna mostra un aumento dello 0,4%, trainato ancora una volta dalle Isole Canarie che hanno aumentato il prezzo in media del 4,2% rispetto al mese scorso.

Staff de InfoCanarie WWW.INFOCANARIE.COM 

 

Secondo i dati della Società di Promozione Turistica dell’arcipelago, gli Islandesi hanno una disponibilità di spesa per i viaggi ben al di sopra della media (1.821 euro contro 1.136 euro).

Questo dato è molto interessante non solo per la maggiore spesa giornaliera (156,1 euro contro 138,9 euro in media), ma, soprattutto, anche in per il dato in merito alla loro permanenza media in loco che risulta essere più lunga, 14 giorni contro i 9 della media, e quindi veramente interessante.
Disponendo di questi dati, con la volontà quindi di attirare sempre più mercati effettivamente forti dal punto di vista economico, la Camera di commercio di Gran Canaria, per una delegazione di 15 imprenditori, ha organizzato degli incontri Istituzionali a Reykjavik con l'obiettivo di promuovere e rendere appetibili le Isole Canarie come destinazione turistica e di investimento.
Questa attività promozionale ha avuto il suo apice con l’invito ufficiale presentato al Ministro islandese di riferimento di visitare l’isola di Gran Canaria e l’arcipelago, per entrare in contatto, meglio conoscere ed approfondire le possibilità di investimento e valutare le azioni di sviluppo da intraprendere a beneficio di entrambi le parti.

Staff de "InfoCanarie" WWW.INFOCANARIE.COM 

 

Lo scopo è quello di agevolare e promuovere il mercato dei veicoli elettrici a batteria e degli ibridi plug-in per raggiungere una flotta di tre milioni di autovetture in Spagna e quindi centrare l’obbiettivo previsto, entro il 2030, dal Piano Nazionale integrato per l'energia e il clima (PNIEC); conseguentemente la Comunità Canaria ha determinato sia essenziale disporre di almeno 14.870 punti di ricarica di accesso pubblico installati entro i prossimi 8 anni.
Allo stato attuale le Isole Canarie nel suo complesso dispongono di 645 punti di ricarica ad accesso pubblico; per stabilire l'indicatore sui punti necessari e la loro distribuzione in tutto l’arcipelago è stata fatta una previsione considerando la quota di veicoli elettrici (considerando autovetture e mezzi commerciali leggeri) in ciascuna provincia fino al 2030, la quota di popolazione motorizzata in ciascuna di esse e il PIL di ogni singola isola.
Fatta questa valutazione è stata considerata una distribuzione per provincia basata su tre parametri: un punto superiore a 50 kW per ogni 100 veicoli puramente elettrici; uno con più di 150 kW e uno con più di 250 KW per 1.000 veicoli puramente elettrici; oltre a questo sono stati considerati altri punti di ricarica con una potenza superiori a 250 kW da installare nelle principali arterie della Rete Stradale.
Queste analisi produrranno il risultato di poter di definire, anno per anno, le esigenze e conseguenti obiettivi da raggiungere per stare al passo con la crescita necessaria della flotta.
Le prime azioni determinate per le Isole Canarie prevedono di dotare l’arcipelago di una rete minima composta da circa 2.876 punti di ricarica di accesso pubblico entro il 2023 e di 4.652 nel 2025.

Staff de InfoCanarie www.infocanarie.com 

Un’ importante multinazionale del commercio elettronico (il nome più ricorrente è Amazon) sta svolgendo delle verifiche per insediarsi con un grande centro logistico in Tenerife o Gran Canaria.
Di fatto in questo ultimo periodo si parla molto di Gran Canaria e della Zona Franca di Arinaga ed altre zone industriali.
Un network di consulenti è infatti alla ricerca di terreni o soluzioni già esistenti di infrastrutture adatte per installare i propri magazzini e complessi logistici e a tal proposito si stanno preparando studi di fattibilità.
Il Consorzio della Zona Franca di Gran Canaria, con terreni disponibili nei porti di La Luz e Arinaga e la banchina comunale di Agüem potrebbero essere le soluzioni ideali, non solo per l'arcipelago, ma anche (guardando a obbiettivi di ulteriore internazionalizzazione) per i paesi dell'Africa occidentale e questi mercati emergentioltre ai vantaggi fiscali che possono dare la Zona Franca (magazzino esente da imposte sia in ingresso che in uscita per di più compatibile con le agevolazioni fiscali previsti dalla Zona Especial Canaria) ha una buona posizione geografica grazie alla sua vicinanza all'aeroporto.
Amazon ha già creato un “precedente”, ecco perché si pensa sia di questa l’interesse, in quanto ha installato uno dei suoi principali centri logistici sulla penisola nella zona franca di Barcellona dove è stato realizzato un magazzino di 9.300 metri quadrati.
Altre ubicazioni prese in considerazione, sempre parlando di Gran Canaria, sono le aree industriali dei comuni di Telde e Ingenio in quanto vicine ai terminal merci dell'aeroporto di Gran Canaria.

Staff de InfoCanarie WWW.INFOCANARIE.COM 


La compagnia aerea Wizz Air lo scorso 22 Luglio ha ufficialmente presentato nuove rotte internazionali dall’Italia.
Da Milano Malpensa volerà a Marrakech e Gran Canaria; da Roma Fiumicino a Gran Canaria e da Bologna a Casablanca.
I voli che saranno operativi dal prossimo mese di ottobre con tariffe a partire da 29,99 euro sono quindi nuove opportunità interessanti per chi è interessato a Gran Canaria o da questa destinazione vuole poi raggiungere una delle altre isole dell’arcipelago canario.
La mission di Wizz Air in Italia con queste operazioni è quella di contribuire alla ripresa ed allo sviluppo dell’economia locale di entrambe le destinazioni, dell’aviazione e del turismo, volendo fornire opportunità di viaggio a basso costo e di alta qualità.

Staff de InfoCanarie WWW.INFOCANARIE.COM

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Proseguendo la navigazione acconsenti all' uso dei cookie.